OTTURAZIONE DEL DENTE: CARIE E ALTRE CAUSE


Otturazione del dente: carie e altre cause

Per otturazione si intende una tecnica restaurativa di un elemento dentario che perda la sua integrità a seguito di un evento traumatico oppure a carie. Con il termine otturazione si intende proprio l’apposizione del materiale all’interno della cavità creatasi nel dente, in seguito alla completa asportazione della parte colpita dalla carie. Ad oggi il materiale più usato è il composito, spesso in associazione ad altri materiali di sottofondo in caso di elementi dentari vitali.

Con la procedura di otturazione del dente, si va a riempire la parte del dente “mancante”. L’otturazione dentale, infatti, prima di essere eseguita è preceduta dalla rimozione del danno, ovvero (è il caso più frequente) della carie e dalla disinfezione accurata della zona circostante. Una volta portate a termine tali procedure, viene eseguita l’otturazione vera e propria, andando a chiudere le fessure ed i canalicoli formatisi (nel caso di carie) a causa dei batteri che hanno perforato la dentina e lo smalto.


Otturazione e odontoiatria conservativa

Le otturazioni rientrano nel novero delle tecniche di endodonzia conservativa, la quale è finalizzata alla cura della carie e delle lesioni da essa determinate, consentendo di salvare il dente danneggiato e scongiurando, così, l’estrazione del dente stesso.

Lo scopo dell’odontoiatria conservativa è quella di mantenere (conservare, appunto) i denti colpiti dalla carie, lesionati da fratture ecc



Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 13 del d. lgs. 196/2003 - Informativa sulla privacy

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

La carie e le sue cause

La carie è provocata da alcuni batteri, normalmente presenti nella bocca, che in presenza di zuccheri possono riprodursi e moltiplicarsi a dismisura, incrementando anche la presenza di acidi che, poi, vanno letteralmente a bucare i denti. Un’accurata igiene orale dopo i pasti, unitamente ad una riduzione della quantità di zuccheri nei cibi ingeriti possono ridurre notevolmente, fino a scongiurare, la possibilità di carie.

 

L’otturazione come soluzione terapeutica

Una delle procedure dell’odontoiatria conservativa consiste nell’eliminazione delle carie con opportuna chiusura delle cavità risultanti dall’eliminazione dello smalto e della dentina cariata, con appositi materiali.

Grazie ai moderni materiali è possibile realizzare una ricostruzione del dente minimamente invasiva e completamente invisibile. L’esperienza ed i numerosi colori disponibili consentono di raggiungere ottimi risultati con otturazioni talmente integrate nel dente da non essere più distinguibili dal dente originale. In passato, spesso per le otturazioni si utilizzava un materiale di origine metallica definito amalgama d’argento in base alla sua composizione chimica, tuttavia essendo stata riconosciuta la tossicità sistemica di alcuni suoi componenti, non viene più utilizzata.

WhatsApp chat